L’importanza del progetto del locale filtro a prova di fumo

Home / News

Nel D.M. 3 agosto 2015 al paragrafo S.3.5.4 (Compartimento a prova di fumo) viene descritto in maniera semplice e definitiva l’inserimento di un filtro a prova di fumo come separazione fra compartimenti comunicanti che devono garantire la protezione dall’ingresso di fumo.
Per ulteriore chiarezza viene anche citata la Tabella S.3-3 Esempi di compartimenti a prova di fumo: viste in pianta e descrizione della quale alleghiamo stralcio con riferimento alla messa a norma con l’inserimento di filtro a prova di fumo.

Tabella S.3-3

Queste compartimentazioni a prova di fumo sono “immuni” dal passaggio di prodotti della combustione provenienti da altri comparti e il loro impiego, può condurre a significativi benefici in termini di progettazione antincendio.

L’impiego di un sistema di pressurizzazione formato da un unità  “master” quadro di comando e da un unità  “black” provvista di ventola e di batterie tampone, impone al progettista lo sviluppo di un calcolo di predimensionamento per definire il calcolo della portata e il calcolo della prevalenza.

  • CALCOLO DELLA PORTATA (MC): si intende il calcolo dei trafilamenti presenti determinati dal tipo di serramento esistente (fessurazioni);
  • CALCOLO DELLA PREVALENZA (PA): si intende il calcolo della pressione da integrare a causa delle perdite di carico.

La progettazione del sistema può essere effettuata con la norma EN 12101-6 o con un calcolo aurealico.
La differenza fra le due alternative è che nel calcolo aurealico il progettista definisce un trafilamento fra anta e telaio di sua volontà, mentre se si utilizza la norma EN 12101-6 si vanno ad utilizzare dei parametri già definiti dalla norma stessa.

Da anni l’Ufficio Tecnico Sacop collabora con i vari progettisti per definire le caratteristiche tecniche necessarie per la messa a norma dei compartimenti a prova di fumo e con particolare attenzione a:

  • Ricevimento del progetto con analisi e studio fattibilità
  • Confronto diretto con progettista per definire le prese aria (molto importante questo passaggio per non riportare all’interno del filtro a prova di fumo i prodotti della combustione provenienti dall’incendio stesso)
  • Calcolo di predimensionamento con conseguente tabella riassuntiva per ogni singolo filtro comprendente la sezione del canale portata aria necessario (mc/h) e il calcolo delle perdite di carico (Pa).

Dalla nostra esperienza si consiglia sempre di eseguire il calcolo predimensionamento secondo la norma EN 12101-6 per sopperire alle fessurazioni “anomale” reali fra anta e telaio e fra anta e pavimento dovute a dislivelli di pavimentazioni, montaggi non sempre corretti, e altre problematiche di cantiere.